Al momento stai visualizzando Recensione Suunto 9 Baro: solido, concreto e affidabile

Recensione Suunto 9 Baro: solido, concreto e affidabile

Ho avuto un Suunto Ambit 3 Run per circa 5 anni. Forse un po’ troppo ingombrante come dimensioni, per i miei gusti, ma sempre affidabile e preciso, mi ha accompagnato in tutti i miei giri sui sentieri, sia per correre che per le escursioni.

Solo negli ultimi mesi aveva iniziato a dare qualche segno di stanchezza, soprattutto nella durata della batteria, che era comunque ancora di tutto rispetto per il tipo di orologio, ma che non si conciliava più con le lunghe distanze che avevo iniziato a correre.

Dopotutto 5 anni sono un periodo che ormai viene considerato abbastanza lungo per la tecnologia e considerato il fatto che l’ho portato ovunque e in tutte le condizioni, devo dire che il suo dovere l’ha fatto.

Allora ho provato alcuni sportwatch più recenti, per capire cosa potesse andarmi bene e trovare il giusto successore dell’Ambit, come questo Suunto 9 Baro. Ecco quindi la mia recensione dopo alcune settimane di utilizzo.

suunto 9 baro
Il menù del Suunto 9 Baro

LA LINEA SUUNTO 9

Suunto ha molti modelli di orologi GPS, per vari sport sia indoor che outdoor. La linea 9 è quella di fascia più alta, e si compone di 3 modelli diversi:

  • il Suunto 9, che non ha il barometro e quindi si serve del GPS per il calcolo dell’altitudine
  • il Suunto 9 Baro, che vedremo tra poco
  • il Suunto 9 Peak, ultimo arrivato, che si differenzia per un corpo più compatto e per altre funzionalità

Il vantaggio del Baro rispetto al semplice 9 è che avendo il barometro offre una misurazione più precisa dell’altitudine e inoltre può darci i dati della pressione atmosferica e gli allarmi relativi al meteo. É quindi chiaro già da questo punto che il Baro si rivolge a chi frequenta la montagna, che sia per trail running, escursionismo e alpinismo, o per fare mountain bike.

Vediamo allora come se l’è cavata durante le mie uscite.

CARATTERISTICHE DEL SUUNTO 9

Per essere un modello di fascia alta il Baro non ha un numero di funzioni esagerato come accade in altri orologi simili, ma trovo che questo non sia un difetto. Il Suunto 9 Baro punta alla concretezza.

Certo, in alcune situazioni potrebbe essere utile avere qualche funzione in più, ma dipende anche da quante poi ne andremo effettivamente ad usare. Per la mia esperienza preferisco un orologio che faccia poche cose, ma le faccia bene.

Rispetto a molti altri sportwatch il Baro ha comunque un bagaglio di tutto rispetto. Ma partiamo dal design e dai materiali.

COSTRUZIONE

Il Suunto 9 Baro è uno sportwatch che si fa notare, non tanto per il look, quanto per le dimensioni. La cassa è ben rialzata e vistosa, ma non fastidiosa, magari si fa sentire solo quando togliere maglie strette a maniche lunghe.

La versione che ho io ha il quadrante in titanio e la cassa in poliammide rinforzata con fibra di vetro. Il vetro è in zaffiro. Materiali eccellenti.

É quindi chiaro l’obiettivo del Baro: resistere.

suunto 9 baro
I sensori e l’attacco per ricaricarlo

E in effetti sembra davvero fatto per durare.

Lo schermo è di ben 50 millimetri di diametro, molto ampio per uno sportwatch, il che non fa altro che migliorare la leggibilità dei dati. Ovviamente il Suunto 9 Baro non è tra i modelli più leggeri, siamo sui 66 grammi.

Il cinturino è realizzato in nylon e sembra davvero essere resistente. Tra l’altro anche confortevole sulla pelle, anche dopo molte ore.

Il 9 Baro è anche impermeabile fino a 100 metri.

TOUSCH SCREEN

É un’opzione che guardo sempre con sospetto, e può non piacere a tutti, ma questo touch screen mi ha sorpreso. É forse leggermente troppo sensibile, ma non dà alcun problema, neanche con le mani un po’ sudate. E mi ritrovo ad usarlo più spesso di quanto pensassi.

Si blocca automaticamente e per usarlo è necessario premere prima il pulsante centrale. I pulsanti laterali si possono bloccare tenendo premuto quello inferiore, opzione che considero importante per evitare di fermare accidentalmente l’attività .

SCHERMATE

All’interno del Suunto 9 Baro troviamo alcune schermate pre-caricate, che ci permettono di personalizzarlo. Abbiamo quelle digitali e quelle in stile analogico.

Non sono molte, ma non sono niente male.

suunto 9 baro
Una delle schermate

NAVIGAZIONE TURN-BY-TURN

Una delle caratteristiche che cerco in un orologio GPS è la possibilità di caricare itinerari e seguirli mentre corro. É un’opzione utilissima per scoprire posti nuovi, cosa che faccio regolarmente, e che elimina quasi del tutto il problema di usare lo smartphone per le mappe.

Infatti quest’ultimo lo uso solo nei casi in cui davvero non sia chiaro da che parte andare, il che accade di rado. Di solito la navigazione turn-by-turn, detta anche Breadcrumb, è precisa e non richiede altro strumento.

Il Suunto 9 Baro ti avvisa se esci dal percorso, sia visivamente che con un piccolo segnale acustico, rendendo il tutto più facile.

Dalla foto sotto vediamo in blu il sentiero o strada da seguire, i puntini invece indicano dove siamo già passati. Si possono caricare i vari punti di interesse e usare l’opzione per tornare al punto di partenza, che mi capita di usare, ad esempio quando trovo sentieri completamente bloccati dalla vegetazione.

Usare il 9 Baro per la navigazione è davvero facile e non ho riscontrato alcun problema nella precisione.

suunto 9 baro
Navigazione turn-by-turn durante un giro serale

BATTERIA

Uno degli aspetti migliori di questo Suunto è la durata della batteria. Passi da gigante rispetto al mio vecchio Ambit…

Sono presenti ben 4 modalità per l’attività sportiva: Performance, Endurance, Ultra e Tour. La casa dichiara che si va dalle 25 ore in modalità Performance, alle 170 di quella Tour che riesce a risparmiare sul consumo andando ridurre la precisione del GPS.

Posso dire che anche se i dati ufficiali sono un po’ elevati, ci si avvicina a quanto dichiarato, il che rende questo orologio perfetto sia per affrontare trekking di più giorni che per fare cicloturismo o ultramaratone.

Nell’uso quotidiano non è ai livelli di alcuni altri orologi, ma facendo 3 allenamenti e indossandolo tutto il resto del tempo mi è durato circa una settimana, il che è molto positivo.

RILEVAZIONE FREQUENZA CARDIACA

É ormai presente in tutti i modelli o quasi e probabilmente non la si può più considerare una funzione extra, ma un vero e proprio must-have. Non è un dato che controllo sempre, solo nei periodi di allenamento più intenso, ma avere questa opzione permette di ottenere anche altri dati importanti sulla propria salute, usati dalle altre funzioni nell’orologio.

Detto questo mi sembra che la precisione non sia delle migliori se fatta direttamente dal polso (problema comune alla maggior parte degli sportwatch, con poche eccezioni). Meglio usare una fascia cardio. Il Suunto 9 Baro è compatibile con le fasce Bluetooth Smart.

RETROILLUMINAZIONE

Molti orologi che puntano al risparmio di batteria sacrificano l’illuminazione dello schermo, ed è anche quello che succede col 9 Baro. Ma questo è limitante (in parte) solo quando siamo al chiuso. Non appena usciamo lo schermo diventa ben leggibile, non ho avuto problemi in questo senso.

A differenza di altri modelli il Baro offre però la possibilità di regolare l’illuminazione tra bassa, media e alta, il che è molto comodo. Per fare un confronto, nel Coros Apex questo non si può fare.

Trovo che impostato su valori medi offra un buon compromesso.

C’è anche la possibilità di attivare l’opzione “Ruota e Attiva”, che fa illuminare lo schermo ogni volta che ruotiamo il polso per guardarlo, e che risulta utile la sera o la mattina presto.

FUNZIONI SPORT

Numerose le modalità sport, circa 80, tra cui addirittura la boxe, lo yoga, l’equitazione, il parapendio, etc.

Ho usato principalmente le modalità corsa, trail running ed escursione. Le schermate sono chiare, ben leggibili grazie anche alle dimensioni dello schermo di cui dicevamo prima. Questo permette anche di avere più informazioni contemporaneamente, come si vede dalla foto sotto in cui troviamo a colpo d’occhio l’ora, la velocità, i battiti cardiaci, il dislivello positivo, i chilometri percorsi e il tempo trascorso.

suunto 9 baro
Modalità Corsa

BAROMETRO E GPS

Da un Suunto che porta il nome “Baro” non ci si può aspettare che un barometro efficiente e preciso. Nel calcolo dell’altitudine è stato sempre accurato.

Sono anche presenti la temperatura esterna (che però, come in altri modelli, per avere dati corretti va tolto l’orologio), la pressione atmosferica e gli orari di alba e tramonto. Non ho avuto modo di controllare gli allarmi meteo.

Per quanto riguarda il GPS è davvero molto preciso come si dice in giro.

MUSICA

Personalmente ascolto musica solo quando corro lunghe distanze. É un modo per aumentare la motivazione e farmi concentrare meglio. Ho un paio di auricolari bluetooth che collego al telefono, ma ancora non avevo provato orologi che avessero l’opzione musica.

Effettivamente è molto comodo poter cambiare traccia o regolare il volume direttamente dallo schermo del Suunto.

Il touch screen è reattivo e funziona bene anche in questo caso.

ALTRE FUNZIONI

Ovviamente il Suunto 9 Baro si può collegare allo smartphone per ricevere le notifiche direttamente nell’orologio. É presente anche la vibrazione, per cui è davvero difficile perdere una chiamata.

C’è poi il monitoraggio del sonno, funzione che ho provato alcune volte e che potrebbe essere utile per alcuni.

Altra funzione è quella relativa allo stress e al recupero, importante per capire se siamo pronti per tornare ad allenarci.

L’APP SUUNTO

Anche quando usavo l’Ambit 3 Run apprezzavo la grafica e le funzioni dell’app Suunto. É ben realizzata e offre tutti i dati di cui si ha bisogno.

É presente il calendario con tutte le nostre uscite, i dati e le analisi dei progressi, etc. É poi possibile collegarla con Strava, Komoot e altre app simili.

Tra le cose che però non avevo mai provato prima c’è la pianificazione dei percorsi direttamente da app. Prima usavo esclusivamente il pc perché più agevole, ma devo dire che questa funzione è ora molto facile da usare dallo smartphone. Basta poi sincronizzare il percorso con l’orologio e farlo partire quando usciamo. Niente file GPX da creare e poi spostare tra app.

Ci sono poi le mappe di calore che (per chi non le conoscesse) indicano quali sono i percorsi più battuti a seconda del tipo di sport, e inoltre è ora disponibile la modalità di mappa in 3D, che agevola la pianificazione del percorso e ci fa capire a colpo d’occhio come si snoda. A mio avviso dovranno essere apportati ancora alcuni miglioramenti per rendere più fluida l’esperienza 3D, ma è comunque utilizzabile ed estremamente utile.

suunto 9 baro
Mappe di calore
suunto 9 baro
Pianificazione itinerario

CONCLUSIONI SUL SUUNTO 9 BARO

Alcuni contro di questo Suunto sono a mio avviso il prezzo, forse un po’ elevato e le dimensioni che potrebbero essere ingombranti in alcuni casi. Anche il numero di funzioni, per quanto non sempre tutte necessarie, potrebbe essere aumentato in un modello di questa fascia. Ma personalmente trovo che abbia tutto quello che serve.

Penso sia ideale se quello che cerchiamo è un ottimo orologio GPS per andare in montagna, correre, andare in bici, che sia estremamente preciso, robusto e affidabile, con la possibilità di usare la navigazione e una batteria eccezionale che non ci lascerà a piedi neanche dopo giorni e giorni.

Gabri

Trail runner e (da poco) ultrarunner. Finto alpinista, vero escursionista. Adoro i tramonti in montagna e riempire lo zaino di troppe cose.